+39 041 3198537 Via G. Querini, 1/D - 30174 Mestre (VE) - Italia

NO ALL’ABORTO

IN TUTTO IL MONDO “Ci sono 80 milioni di gravidanze non volute stimate all’anno. Di questi, 46 MILIONI STIMATI sono abortiti in modo ivg”. 126 mila ogni giorno …5250 ogni ora …87 ogni minuto …più di 1 aborto ogni secondo!!
Dall’istante della fusione dei due gameti,maschile e femminile esplode la vita e da lì inizia la moltiplicazione cellulare che continua fino al compimento dell’essere. Dove la interrompi? ….. a 10 cellule…… a 100……. a 1000 … a 1 milione……? La vita è già cominciata……. Irrompe con potenza. In quella vita ci sono gli occhi di DIO E LA SUA IMMAGINE. C’è già un progetto. “Sei tu che hai formato i miei reni e mi hai tessuto nel grembo di mia madre,io ti rendo grazie,mi hai fatto come un prodigio”. “Non ti erano nascoste le mie ossa quando venivo formato nel segreto, ricamato nella profondità della terra.” (salmo 138) In potenza, c’è già l’uomo del domani!
Nel momento del concepimento Dio crea l’anima dell’uomo, ossia lo Spirito destinato a non morire mai, A VIVERE PER L’ETERENITA’. E a riprendere il suo posto, alla fine dei tempi, nel corpo risorto, dalla potenza dello SPIRITO DI DIO. Per questo la vita è sacra, dall’alba al tramonto, ossia, dal concepimento alla morte naturale. E’ lo Spirito, l’Anima, che si incarna! Prova ne è il fatto che nessuna persona “sana” pensa e desidera volentieri la morte…… In ogni uomo c’è lo Spirito, l’Anima fatta per la vita che non muore mai: L’ETERNITA’. Questo desiderio di vita che ogni uomo porta nel cuore, consapevole o no, è desiderio di ETERNITA’, DESIDERIO DI ASSOLUTA FELICITA’ che solo in cielo, alla presenza del Dio d’Amore sarà appagato. “Vado a prepararvi un posto” ha detto Gesù. (Gv 14,2) Il tempo corre e correndo, stiamo andando là…
Il PDP nasce in seno alla Chiesa Cattolica, ma vuole essere aperto a tutti “gli uomini e le donne di buona volontà” e di qualsiasi religione che credono alla pace e la vogliono costruire e custodire, prima di tutto nel cuore. Da qui prende senso tutti i “NO” che il PDP propone. In primis: combatte e condanna il grave peccato dell’aborto, difende fino in fondo la vita, ma non vuole assolutamente giudicare e condannare la persona che lo compie, perché il più delle volte non si rende conto di quello che sceglie e sta avvenendo. “Padre perdona loro, perché non sanno quello che fanno” (Lc 24,34). Così pregava Gesù mentre lo crocifiggevano. La persona merita sempre piena accoglienza sincera e misericordia.
La mamma di Gesù, la Vergine Maria che da 31 anni appare ogni sera a Medjugorje, nei suoi messaggi al mondo dice: “L’aborto è un grave peccato. Dovete aiutare molto le donne che hanno abortito. Aiutate loro a capire che è un peccato. Invitatele a chiedere perdono a Dio e ad andare a confessarsi. Dio è pronto a perdonare tutto, poiché la sua misericordia è infinita. Cari figli, siate aperti alla vita e proteggetela.” (1 SET 1992) “I bambini uccisi nel seno materno sono ora come piccoli angeli attorno al trono di Dio.” (3 SET 1992) “Milioni di bambini continuano a morire a causa dell’aborto. La strage degli innocenti non è avvenuta soltanto dopo la nascita di mio Figlio. La Chiesa, che è colonna di verità, da sempre difende la vita.
Giovanni Paolo II nel documento Evangelium Vitae, Città del Vaticano 1995 al n. 58, scrive: “L’aborto procurato è l’uccisione deliberata e diretta, comunque venga attuata, di un essere umano nella fase iniziale della sua esistenza, compresa tra il concepimento e la nascita”. Benedetto XVI nell’Osservatore Romano – 4 dicembre 2005: “Per questo è necessario aiutare tutte le persone a prendere coscienza del male intrinseco del crimine dell’aborto che, attentando contro la vita umana al suo inizio, è anche un’aggressione contro la società stessa…”
S.Padre Pio, risponde così a una domanda del dott. Lotti; “basterebbe un giorno senza nessun aborto e Dio concederebbe la pace al mondo fino al termine dei giorni”.
Mahatma Gandhi afferma: “Mi sembra chiaro come la luce del giorno che l’aborto è un crimine.”
Beata Madre Teresa di Calcutta,da “Nobel lectures”,”Peace” 1971 – 1980, 11 dicembre 1979: “Sento che oggigiorno il più grande distruttore di pace è l’aborto, perché è una guerra diretta, una diretta uccisione, un diretto omicidio per mano della madre stessa. Perché se una madre può uccidere il suo proprio figlio, non c’è più niente che impedisce a me di uccidere te, e a te di uccidere me. Noi combattiamo l’aborto con l’adozione. Se una madre non vuole il suo bambino, lo dia a me, perché io lo amo.
Pier Paolo Pisolini – gennaio 1975: “Sono traumatizzato della legalizzazione dell’aborto perchè la considero, come molti, una legalizzazione dell’omicidio.
Gianna Jessen, ha una testimonianza eccezionale: è una bambina sopravissuta ad un aborto salino. “Tutto questo nasce dal fatto che l’UOMO vuole essere “libero”, vivere così una vita senza Dio. Ci vengono sempre ricordate , giustamente, le milioni di vittime delle guerre mondiali, ma non ci viene mai ricordato così spesso che nel Mondo vengono uccisi ogni anno con l’aborto 40 milioni di bambini. Tutte le Nazioni del mondo permettono istituzionalmente la soppressione di migliaia di nuove vite ogni giorno. Questo rappresenta una sconfitta per l’umanità e una sconfitta per la politica. Il primo dovere dei Governi Mondiali è quello di istituire moralmente”.
L’ABORTO COME UN OMICIDIO, quindi impedire tutto questo con la chiusura di cliniche , case farmaceutiche che producono la MORTE. Vi sono ovviamente delle situazioni particolari che in qualche modo acconsentono all’aborto: vittime di violenze, di problemi psichici, e di malattie particolari che non permettono la vita al bambino e che mettano a rischio la vita della madre sempre che la madre di sua iniziativa non decida di intraprendere la strada della SPERANZA e dell’amore confidando nel Signore, Egli può risolvere ogni problema oltre le ragioni della scienza. Infatti ci sono molte testimonianze di casi nei quali Dio ha risposto al contrario della scienza. Come è giusto che venga condannato un uomo che maltratta un cane, è giusto che vi sia una rigorosa campagna morale contro l’aborto. Una persona concepita ha l’inviolabile diritto alla vita.
La Politica Mondiale deve imporsi come primo punto, questo. Sarà un sigillo con il Dio della Vita che porterà la pace.